NB. Le informazioni riportate di seguito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del tuo medico.

Chi è allergico ai pollini o agli acari della polvere a volte deve stare attento a cosa mangia. Una semplice mela, una pesca o delle invitanti fragole possono essere pericolose per chi è allergico alla betulla, così come i pomodori, le patate e gli agrumi possono irritare labbra e palato di chi è allergico alle graminacee. Si tratta delle cosiddette allergie crociate, un disturbo causato da una reazione crociata tra pollini di alcune famiglie e diversi alimenti.

Una somiglianza irritante

Questo fenomeno si manifesta perché in molti alimenti (vedi tabella sottostante) sono presenti molecole proteiche simili a quelle che si trovano nei pollini o negli acari della polvere. Queste molecole vengono riconosciute dal sistema immunitario anche dopo ingestione dell’alimento, scatenando – così – la reazione alimentare crociata.

Quali sono le principali combinazioni segnalate 

ALLERGENI (pollini e acari) ALIMENTI
Pollini in genere  Miele 
Artemisia  Frutta 

•    anguria, banana, melone

Verdura 

•    camomilla, sedano, zucca

Artemisia e altre composite  Frutta 

•    anguria, banana, mela,  melone

Verdura, erbe aromatiche 

•    anice, camomilla, carota, cicoria, cumino,  coriandolo, finocchio, prezzemolo, sedano,  semi di girasole, tarassaco, zucca

Parietaria  Frutta 

•    ciliegia,  melone, more di gelso

Verdura, erbe aromatiche 

•    basilico, ortica, piselli

Olivo  Olive 
Betulla  Frutta 

•    albicocca, arachidi, carota, ciliegia, banana, fragola, lampone, mandorla, mela,  melone, nespola, noce, nocciola, pesca, pistacchio

Verdura, erbe aromatiche 

•    finocchio, patata, sedano

Nocciolo  Nocciole 
Ambrosia  Frutta 

•    anguria, banana, melone

Verdura 

•    camomilla, sedano, zucca

Acari della polvere  Crostacei, lumache di terra e di mare e – più raramente – mitili (ostriche, cozze e vongole)

Non vale per tutti… sono reazioni individuali da controllare in modo personalizzato

Non tutte le persone allergiche ai pollini hanno necessariamente un’allergia crociata agli alimenti e non tutti gli alimenti elencati nella tabella danno allergie nella singola persona. Per questi motivi è importante che sia solo lo specialista a indicare caso per caso se/e quale dieta seguire, anche allo scopo di limitare il rischio di squilibri nutrizionali.

Raccomandazioni dietetiche

La raccomandazione principale potrebbe essere quella di evitare di consumare gli alimenti responsabili di reazione crociata almeno durante tutto il periodo di pollinazione, quando cioè la reattività del paziente è massima.

Schede correlate

Fonti 

ARPAV – Agenzia regionale per la Prevenzione e protezione ambientale del Veneto. Numero 9. Le allergie crociate: gli allergici a pollini o acari devono guardarsi da alcuni alimenti. 

SIAIP – Società italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica. Allergia alimentare, 2011 

SIAIC – Società Italiana di Allergologia e Immunologia Clinica – Allergia da alimenti, 2011 

SNLG Regioni 19 – Linee Guida per la diagnosi e la cura delle allergopatie. Regione Toscana, 2011 

Ospedale S. Eugenio, Unità Operativa di Nutrizione Clinica – Le allergie alimentari 

Trapani G – Pediatria nel cassetto, Giunti Demetra, 2008 

Schmelz A – Le allergie nei bambini, Tecniche Nuove Ed, 2002

© 2018 - 2011  Allergopharma | Privacy | Cookie Policy | Intranet

Log in with your credentials

Forgot your details?