Le allergie ai legumi, dalle lenticchie ai ceci, dai piselli alla soia, sono piuttosto comuni.  Le lenticchie sono molto apprezzate in tutti i Paesi del Mediterraneo, in particolare in Italia e in Spagna. Il loro consumo ha registrato un aumento negli ultimi anni grazie al diffondersi di stili di vita più sani, pratiche salutistiche e regimi alimentari come quello #vegetariano e #vegano, che privilegiano il consumo di legumi ad alto contenuto proteico.
Chi sceglie di non mangiare carne deve, infatti, assumere con altre modalità le proteine necessarie al corretto funzionamento dell’organismo e i legumi sono perfetti per tale scopo.

L’ allergia alle lenticchie compare presto, in genere prima dei 4 anni, con picchi tra i 9 e 27 mesi di vita. Si manifesta con reazioni cutanee ( orticaria ), sintomi oro-faringei e respiratori e, nei casi più gravi, perfino con anafilassi . La sensibilizzazione può avvenire sia per ingestione che per contatto e inalazione, per esempio respirando i vapori prodotti dalla cottura delle lenticchie. Chi è allergico alle lenticchie, spesso lo è anche ai ceci. Oltre ad essere consumate nelle ricette più classiche come legume intero, le lenticchie sono presenti sotto forma di farina di lenticchie in numerosi prodotti alimentari, come complemento alla farina di frumento e alla farina di riso.

 

Fonti

© 2018 - 2011  Allergopharma | Privacy | Cookie Policy | Intranet

Log in with your credentials

Forgot your details?