Stampa / Inoltra

ASMA E FERTILITA' FEMMINILE SONO CORRELATE

 

Recenti ricerche scientifiche documentano come asma e fertilità femminile siano correlate. In particolare, le donne che soffrono di asma ci mettono più tempo a rimanere incinta, e nello specifico le donne con asma da moderata a grave e con un'età superiore ai 30 anni.

 

Una recente ricerca danese ha analizzato un campione di oltre 15.200 donne. Tra quest'ultime, le donne sofferenti di asma hanno avuto bisogno di più tempo (il 21,6%) per concepire. Addirittura, per il 27% delle donne asmatiche ci è voluto un anno per rimanere incinta. E anche più di un anno nel caso in cui l'asma fosse scarsamente controllato e diagnosticato con ritardo.
Tutte le donne, nonostante le iniziali difficoltà, sono comunque riuscite a concepire figli sani; gli autori dello studio hanno quindi voluto approfondire quali fossero le cause di questa correlazione tra asma e difficoltà di concepimento.

Difficoltà di respiro e impianto degli ovuli

Gli autori hanno ipotizzato che le donne asmatiche, a causa delle difficoltà respiratorie, presentino una maggiore difficoltà di impianto dell'ovulo. L'asma determina, infatti, minore ossigenazione e quindi una minore irrorazione sanguigna anche a livello degli organi addominali, tra cui l'utero. Inoltre, sembra avere un ruolo importante anche l'infiammazione che dalle vie respiratori e si diffonde anche nel  grembo materno. In queste condizioni, l'ovulo ha maggiori difficoltà ad impiantarsi.

Il trattamento precoce può fare la differenza
I ricercatori hanno concluso il lavoro sottolineando, oltre – ovviamente – all'importanza di una diagnosi più precoce possibile, anche il ruolo primario dell'intervento medico precoce per trattare la malattia asmatica, sempre, ma a maggior ragione se si ha in previsione di voler concepire un bambino. Seguire con costanza il trattamento indicato dal medico favorisce una rapida riduzione dello stato infiammatorio e, dunque, consente di abbreviare anche il tempo di concepimento.

Concepire da giovani è meglio
Secondo Elisabeth Juul Gade, prima autrice dello studio, anche l'età della donna ha un ruolo determinante nel tempo impiegato per il concepimento. Lo studio ha dimostrato che alle donne asmatiche sopra i 30 anni è servito un tempo più lungo rispetto alle donne asmatiche più giovani per riuscire a concepire ed avviare una gravidanza conclusasi positivamente.




Fonti
- Juul Gade E et al - Female asthma has a negative effect on fertility: what is the connection? ISRN Allergy 2014 Mar 27;2014:131092



 

Pagina aggiornata il: 10 Gennaio 2017